Collaborazione delle persone
Definire aspettative chiare per i fornitori

Il miglioramento del tenore di vita, in collaborazione con i nostri fornitori, comincia con l’adozione delle giuste politiche.

webLoaded = "false" Loadclientside=No

Lavorare con i fornitori

Definire aspettative chiare per i nostri fornitori.

Nell'ambito del nostro Standard di sostenibilità per gli approvvigionamenti (PDF, 20 KB), le aspettative nei confronti dei fornitori sono definite nel documento Politiche per la catena di approvvigionamento 3M su EHS, Trasporto, Lavoro/Risorse Umane e Materiali Forniti. Queste politiche si applicano alla selezione e al mantenimento di tutti i fornitori che offrono merci e servizi a 3M in tutto il mondo. Esaminiamo in modo selettivo le prestazioni del fornitore in relazione a queste politiche. Quando viene rilevata una mancata conformità, 3M cercherà di agire insieme al fornitore interessato per ristabilire la situazione. Ci aspettiamo che il fornitore sviluppi un piano d'azione correttivo per ripristinare la conformità delle sue attività. Se un fornitore non sviluppa tale piano o non è in grado di implementarlo, 3M agirà per interrompere la relazione aziendale.

Nel 2000, abbiamo definito come obiettivo l'esame di almeno l'80% della spesa per forniture nei seguenti paesi: Cina, India, Corea, Malesia, Taiwan, Tailandia, Brasile, Messico, Russia e Turchia, per arrivare entro il 2005 alla conformità con gli standard 3M relativi a EHS, Trasporto, Lavoro/Relazioni Umane. Nel 2013 abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di analisi dell'80% della nostra spesa in quei paesi.

 


Minerali di conflitto

  • Un problema affrontato nelle Politiche per la catena di approvvigionamento di 3M è quello dei "minerali da conflitto". La preoccupazione che i proventi dell'estrazione di minerali (in particolare stagno, tantalio e oro) nella Repubblica Democratica del Congo (DRC) vengano utilizzati per finanziare estreme violenze in quella regione hanno fatto in modo che un requisito della U.S. Dodd-Frank Financial Reform Law del 2010 imponga alle società degli U.S.A. quotate in borsa di identificare l'origine dei minerali necessari al funzionamento o alla fabbricazione dei prodotti fabbricati direttamente o per conto di terzi.

    Il programma di 3M per una ragionevole “due diligence” sul paese di origine e sui minerali di conflitto sono descritti nel Modulo SD di 3M e nel Rapporto sui minerali di conflitto per l'anno 2013, disponibili negli  archivi SEC .

    3M è membro della Conflict Free Sourcing Initiative (CFSI), un'iniziativa dell'industria per sviluppare i sistemi di controllo su fonderie e raffinerie attraverso verifiche convalidate da organizzazioni indipendenti, nell'ambito del programma Conflict Free Smelter (CFS) di CFSI. 3M incoraggia i suoi fornitori e qualsiasi altra società non ancora aderente a iscriversi alla CFSI. Una maggiore partecipazione di tutta la catena di approvvigionamento rafforzerà le attività di collaborazione e aumenterà l'influenza su fonderie e raffinerie perché partecipino al programma CFS e si facciano certificare come DRC Conflict Free. A favore dell'impegno di 3M per CFSI e per il programma CFS, nel gennaio 2014 3M ha effettuato una donazione al CFSI Smelter Fund, che fornisce assistenza finanziaria alle fonderie che si sottopongono entro un anno a una verifica in base al programma CFS. Questo fondo incoraggia le fonderie a partecipare al programma CFS e a farsi certificare come DRC Conflict Free.

Seguici
Cambia località
Italia - Italiano